Notizia

« tornare alle news

ENERGIE - RIVISTA EDIFÍCIOS E ENERGIA NOV/DIC 2017


Francisco Fernandes, direttore tecnico dell'azienda di Povoa do Varzim, rivela a Edifícios e Energia i dettagli della novità e traccia il profilo dell'azienda che ha definito la sua posizione di mercato come fabbricante di "pompa di calore solare".

Energie sta preparando il lancio di un prodotto che dice "rivoluzionario". Di che cosa si tratta?
"È un passo che rivolge Energie verso una tipologia di mercato che finora non esisteva. Stiamo parlando del mercato degli appartamenti: il mercato verticale. La tecnologia termodinamica era chiaramente molto focalizzata sull'edilizia abitativa o le applicazioni industriali. Ora, si va a puntare sulla costruzione verticale nell'ambito del settore residenziale degli appartamenti comuni, con attrezzature per l'acqua calda sanitaria (ACS)."

È un mercato diverso anche in termini di canali di vendita?
"Le vendite saranno sempre fatte tramite l'installatore. Noi diamo priorità alla rete di installatori e ai professionisti e non alle grandi superfici o al cliente direttamente. Come fabbricanti nazionali, ci rendiamo conto di quanto costi affermare un marchio. La nostra traiettoria sarà compiuta sempre tramite questo canale professionale. Anche perché le nostre attrezzature hanno sempre una particolarità: il fattore installazione, che obbliga ad avvalersi di persone accreditate e qualificate. In questa gamma di termodinamica dovrà naturalmente essere così. In aerotermica, abbiamo soluzioni più pratiche e con meno componenti di installazione."

Quali sono le grandi differenze in questa nuova apparecchiatura?
"Anzitutto, si tratta di entrare in un mercato finora inesplorato. E di andare incontro alle necessità del cliente per le soluzioni di Acqua Calda Sanitaria, avendo sempre di mira l'alta efficienza e il risparmio energetico, che sono le caratteristiche principali. Inoltre, si tratta di tentare di integrarsi con le soluzioni costruttive che abbiamo sul mercato, nelle facciate e coperture sempre più difficili o limitate."

Si lavorerà con architetti per questo? Come sarà lo sviluppo del prodotto?
"Normalmente, la creazione di un prodotto all'interno di Energie avviene con il ricorso a conoscenze interne, in base alla domanda del mercato, nazionale o no. È ciò che abbiamo sempre fatto: cercare di trovare la soluzione migliore combinando soluzioni già esistenti o meno. Qui, si tratterà chiaramente di dare risposta a una necessità attraverso un prodotto che già esisteva in aerotermica e con pompe di calore a muro per questa tipologia, ma intendiamo che la termodinamica potrebbe anche fare questo percorso con alcuni valori aggiunti. Questo è stato il concetto e la motivazione."

Questo lavoro è stato fatto attraverso la vostra unità di Ricerca e Sviluppo?
"Questa è stata una scommessa molto grande di Energie, ma abbiamo anche cercato e realizzato varie collaborazioni con laboratori ed enti nazionali ed internazionali."

La vostra strategia in termini di mercato in Portogallo per il 2018 passerà di più attraverso la termodinamica?
"Energie è sempre stata e sempre sarà associata alla tecnologia termodinamica e alle sue soluzioni. Abbiamo tre novità nell'ambito di questa gamma. La gamma per il verticale, una nuova attrezzatura ad alte prestazioni con tecnologia inverter e che darà una risposta al mercato e alle tendenze che il cliente esige da noi, e poi l'applicazione industriale destinata a continuare: soluzioni di acqua calda di grande volume in alberghi, scuole, palestre... sempre sulla base delle prescrizioni di architetti e progettisti."

Qual è la relazione tra le due soluzioni?
"La nostra scommessa sull'aerotermica è iniziata già da alcuni anni per clienti francesi, italiani e così via. L'aerotermica in Portogallo, con Energie, ha una presenza più di fabbricante, di attore in gioco o di commercializzatore. In quanto brand e marca, vogliamo dare un segno della nostra presenza e guadagnare in notorietà, in modo da mostrare al mercato mondiale ciò che facciamo, ma passa molto attraverso la fabbricazione insieme a imprese di distribuzione più qualificate."

Come è stato questo 2017?
"Il miglioramento delle cose è trasversale, sulla scia dell'edilizia, ma non abbiamo cambiato molto il nostro modo di lavorare. Abbiamo sempre avuto una posizione di crescita sostenibile e non vogliamo imbarcarci in grandi crescite. Un passo per volta, è il nostro motto. Avremo risultati positivi. Gli indicatori ci danno una crescita oltre il 30%, e che supera gli obiettivi iniziali. Vogliamo mantenere questa curva nel 2018."

L'internazionalizzazione è stata una grande scommessa...
"Siamo in circa 40 paesi, con presenze più forti in alcuni che in altri. Siamo nei principali paesi europei e abbiamo partecipazioni negli altri continenti."

Queste sono presenti in Australia e in Nuova Caledonia, che sono destinazioni poco comuni.
"Abbiamo fatto uno sforzo enorme dal punto di vista della certificazione, del riconoscimento, delle difficoltà che siamo riusciti a superare. Vi è molto protezionismo in molti mercati e qui non si verifica. Per essere presenti in Francia, dobbiamo ripetere i test nei laboratori francesi con costi elevati e criteri molto stringenti. Lo stesso accade in Inghilterra e in alcuni paesi asiatici. È un qualcosa di trasversale a molti paesi in cui siamo. Nel mercato domestico, ciò che notiamo è che non vi è controllo. Vi è legislazione, ma, anche senza voler usare la parola protezionismo, forse si dovrebbe giocare alle stesse condizioni."

Come è stato il vostro adattamento alla questione dell'etichettatura energetica?
"È stato pacifico. Eravamo preparati. Facciamo parte delle commissioni tecniche internazionali e di alcuni gruppi di lavoro. È stato qualcosa che abbiamo compreso come obbligatorio e che, al di là di questo, può rappresentare un vantaggio competitivo. Abbiamo l'etichetta energetica, ma alcuni clienti ci dicono che il mercato non è completamente in linea con tale obbligo. Spesso ci troviamo in concorsi o applicazioni in cui alcuni non l'hanno e ciò causa demotivazione. Quello che ci capita è che vi è un'assenza di informazioni. Non sappiamo se un qualche concorrente ha o meno l'etichetta. Non percepiamo molto bene come è fatto questo confronto. In questo momento, non vi è in Portogallo una preoccupazione o un'esigenza in quanto alla qualità e all'origine dei prodotti in questo nostro settore, e ciò non è favorevole. E abbiamo molte aree in cui diamo l'esempio in termini di qualità..."

Come si può risolvere il problema?
"Ha molto a che vedere con la nostra cultura. Spagna e Italia hanno lo stesso tipo di situazioni in cui si specificano i prodotti con meno rigore di quanto se ne abbia, per esempio, in Nord Europa. Là, il protezionismo è molto grande, quanto la qualità delle attrezzature che sono installate. Laboratori, organismi pubblici, università, tutti lavorano in questo senso."

Avete qualche concorrente diretto nella tecnologia dei pannelli termodinamici?
"No. Abbiamo il brevetto da diversi anni, ed essendo un prodotto così esposto è normale che compaiano prodotti simili, ma è il mercato stesso a filtrarli."

E all'estero?
"Pure, e soprattutto nei paesi con carenza di tecnologia, ma è andato tutto positivamente: già siamo conosciuti a livello internazionale e rispettati. Non è stato facile, ma nella maggior parte dei paesi, i nostri partner hanno contribuito alla divulgazione di questa nostra tecnologia."

Come si è evoluta la società?
"Siamo nati nel 1981, inizialmente con un altro segmento di mercato sulla base del solare termodinamico. L'unità più grande è stata creata nel 2007 e cresciamo di 3000 m2 per volta. Il nostro sforzo per essere più competitivi e rapidi passa per il tentativo di trovare nuove competenze a livello di conoscenza e know-how, ma anche insieme ai nostri partner industriali, qui e fuori."

È facile lavorare in rete in Portogallo?
"Oggi, è alquanto più facile. Prima c'era una mentalità che portava molto a chiudere le porte e a lavorare ciascuno per sé. Oggi, notiamo che questa apertura è già una realtà e che l'industria ha tutto da guadagnare da essa."

Fate formazione?
"Abbiamo diverse aree di formazione in lingue diverse perché abbiamo persone di tutti i continenti. Normalmente vi è formazione mensile, ma dipende da ciò che il cliente ci richiede."

Quante persone lavorano in Energie?
"Circa 50 persone; poi abbiamo tutta una rete di persone e di altri partner. Stiamo reclutando lavoratori per l'unità di produzione. Abbiamo una crescita sostenibile con nuovi prodotti, nuove tecnologie e siamo preparati per continuare a crescere. Abbiamo nuovi progetti per la fabbricazione di pompe di calore per alcuni mercati nordici in crescita, il che ci obbligherà a ristrutturare l'unità."

Quali sono le prospettive per il 2018?
"Un lavoro basato sull'accreditamento, l'innovazione e il miglioramento di efficienza di tutte le nostre attrezzature."

Società, Prodotti, Associates,Cofinanziato Progetto

c